Utilizziamo cookie nostri e di terze parti al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione sul nostro sito, valutare il coinvolgimento dei nostri utenti e migliorare i nostri servizi.
Continuando nella navigazione acconsenti all'utilizzo di cookie sul tuo dispositivo.

Prossimi Eventi

Eventi organizzati da Studio M.E.P.E.C.

Qui troverai tutti i Corsi, le Conferenze e i Seminari organizzati mese per mese.

Vedi tutti gli eventi

Memoria e Apprendimento

Corso in 3 giornate FULL IMMERSION

Corso MASTER LEARNING 3.0 (Apprendimento Efficace, Memorizzazione Avanzata e Lettura Veloce)

Stiamo organizzando i nuovi corsi

Evoluzione Personale

Conferenza di 2 ore

Nuove conferenze sull'Evoluzione Personale

Stiamo aggiornando il calendario conferenze 2018-2019

Skills Professionali

Seminari immersivi di 1 WeekEnd

Seminari specifici per professionisti in vari settori

Stiamo aggiornando il calendario corsi 2018-2019

Buona settimana a tutti! :-)
Eccoci alla SECONDA PARTE di QUATTRO del nostro viaggio all'interno della MATRICE DELLE CATEGORIE, lo strumento PRINCIPE dell'EVOLUZIONE PERSONALE!
 
Se non hai ancora letto la PRIMA PARTE che ho pubblicato l'8 aprile 2015, LEGGILA ORA, perché la comprensione dello scorso articolo ti sarà indispensabile "PSICOLOGIA TRASFORMAZIONALE: UTILIZZO PRATICO DELLA MATRICE DELLE CATEGORIE (PRIMA PARTE)". LINK DIRETTO.
 
Per facilitarti la comprensione di questo utilissimo strumento COGNITIVO, ho preso in esame QUATTRO ambiti di vita molto IMPORTANTI PER CHIUNQUE, questi quattro ambiti sono:
  1. La Famiglia
  2. L'Apprendimento
  3. Il Lavoro
  4. Il Viaggiare
La settimana scorsa hai compreso come utilizzare la MATRICE DELLE CATEGORIE all'interno del processo EVOLUTIVO DI ADATTAMENTO; EVOLUZIONE significa ADATTAMENTO DELLE PROPRIE SCELTE E DELLE PROPRIE REAZIONI ALL'AMBIENTE; per qualsiasi creatura l'evoluzione è proprio questo, SVILUPPARE UNA RISPOSTA CHE SIA LA PIÙ ADERENTE POSSIBILE ALLE NECESSITÀ DELL'AMBIENTE IN CUI SI VIVE. LO STESSO PRINCIPIO VALE PER L'ESSERE UMANO. Solo che invece di avere come ambiente una FORESTA, una TUNDRA o un INOSPITALE DESERTO, l'uomo vive all'interno di MILLE CONTESTI DIVERSI CIASCUNO CON REGOLE PRECISE; pensaci bene, la famiglia è un preciso contesto in cui per gestire litigi, soldi, risorse e affetti c'è bisogno di seguire delle precise regole. SE VIVI IN FAMIGLIA NON TI È CONCESSO COMPORTARTI COME SE FOSSI DA SOLO!
INOLTRE DEVI IMPARARE A VALORIZZARE GLI SFORZI DI CIASCUNO E RISPETTARE SPAZI E TEMPI DEGLI ALTRI.
Il contesto famigliare è molto diverso poi da quello LAVORATIVO, ad esempio, dove la GESTIONE RELAZIONALE è molto ma molto diversa, il rapporto che si ha in ufficio con i propri superiori e con i propri colleghi segue delle regole di tipo più GERARCHICO e in cui IL RISPETTO DIVIENE MOLTO PIÙ FORMALE E DETTATO DA COMPORTAMENTI RITUALISTICI.

educare_i_figli
Nella vita puoi incontrare due tipologie diverse di persone: quelle che accettano tutto ciò che la vita gli offre, che accettano i propri limiti e le proprie potenzialità inespresse, e chi invece vuole sempre migliorarsi e sviluppare il più possibile quelle potenzialità che la natura gli ha donato.
Mentre le prime vivono all'interno di un "pozzo", costruito intorno a mura di routine, di abitudini consolidate, di piaceri ripetuti e stra-conosciuti, le seconde sono sempre in fermento, non si danno mai pace, cercano il mare aperto, viaggiano, studiano, partecipano a corsi di miglioramento personale, le vedi sempre indaffarate per creare intorno a loro dinamiche e relazioni potenzianti sperimentando sempre nuove opportunità, opportunità che ogni giorno la vita gli presenta davanti.
Le prime sono rassegnate e strutturate, le secondo sono propositive e sempre in evoluzione.
 
Se sei una persona del secondo tipo, bene, allora sei il BENVENUTO :-) sei arrivato nel posto giusto, poiché la lettura di questo articolo ti permetterà di evolverti come individuo grazie alla comprensione di un meccanismo inconscio importantissimo che ti cambierà in meglio moltissime aree della tua vita.
 
Quando le persone parlano di studiare MIGLIORAMENTO PERSONALE quello che si immaginano è sempre l'ottenere una qualche forma di EVOLUZIONE, ma di fatto MIGLIORAMENTO ed EVOLUZIONE sono due concetti molto diversi.
Nell'articolo del 16 Aprile 2014 ho parlato molto dei LIVELLI DEL MIGLIORAMENTO PERSONALE e di come capire se quello che stiamo facendo sia davvero indirizzato verso un'evoluzione o piuttosto verso un semplice miglioramento di quello che già sappiamo fare bene, le due cose infatti non sono per nulla uguali, e portano a risultati completamente differenti: se non hai ancora letto, leggilo ORA (PRINCIPI DI EVOLUZIONE PERSONALE: I TRE LIVELLI DEL MIGLIORAMENTO PERSONALE. LINK DIRETTO).
Lo darò per scontato per il seguito dell'articolo...

career coachBuon 1° Aprile a tutti :-)
Iniziamo un bel Mercoledì di primavera con la seconda e ultima parte della nostra RICETTA DEL SUCCESSO!
Stiamo percorrendo insieme IL CICLO DEL SUCCESSO e nello scorso articolo abbiamo compreso I PRIMI DUE ELEMENTI: le CONVINZIONI POTENZIANTI e i COMPORTAMENTI POTENZIANTI.
 
Leggendo l'articolo della settimana scorsa (se non lo hai ancora letto, LEGGILO SUBITO PRIMA DI CONTINUARE: LINK DIRETTO), hai compreso come nella vita ogni tua scelta e ogni tua azione, anche la più insignificante, ha origine da una CREDENZA o CONVINZIONE.
Queste CONVINZIONI derivano da 4 verbi di "potere":
  1. POTER FARE
  2. POTER OTTENERE
  3. POTER IMPARARE
  4. POTER ESSERE
FARE, OTTENERE, IMPARARE, ESSERE, sono i 4 ingredienti di base che miscelati assieme formano il racconti di te stesso, cioè ciò che TU PENSI DI MERITARE nella vita.
In base a ciò che tu pensi di meritare nella vita, ti lancerai in progetti o avventure oppure ne EVITERAI ALTRE.
 
PENSACI...

Il solo fatto che tu possa DECIDERE di andare a comprare il pane al fornaio sotto casa avviene perché tu SAI DI POTERLO FARE, invece il motivo per cui oggi scegli di NON andare a fare SNOWBOARD sulla neve, molto probabilmente è perché sei convinto/a di NON SAPERLO FARE e molto probabilmente CREDI ANCHE DI NON POTERLO IMPARARE.

Quante volte nella vita hai desiderato raggiungere una certa posizione sociale o hai cercato di conquistarti una posizione di rilievo nel tuo settore lavorativo e nonostante i tuoi continui sforzi, non ci sei riuscito?
 
Non penso ci sia bisogno che ti prenda come esempi sempre e solo la posizione sociale o la carriera.
 
Quante volte hai desiderato imparare a fare così bene quelle cose in cui eccelle quel tuo collega o quel tuo personaggio preferito?
Saper fare quelle cose in modo così professionale?
Sicuramente ti sarai chiesto quanto sarebbe bello se potesse esistere al mondo una RICETTA per diventare il NUMERO UNO in qualsiasi campo o settore della tua vita?
Magari ECCELLERE così tanto da poter essere considerato da tutti quelli che ti conoscono, un ESPERTO DI PRIMA LINEA?
Sarebbe bello se esistesse una RICETTA del genere vero?
 
Ebbene, devo CONFESSARTI CHE UNA RICETTA DEL GENERE ESISTE! :-)
Non solo esiste, ma TUTTI GLI INGREDIENTI NECESSARI SONO NELLE TUE MANI!
 
Già, perché ora che ti spiegherò in cosa consiste questa ricetta, COMPRENDERAI che ogni elemento, ogni ingrediente, ogni aspetto necessario per accrescere LE TUE COMPETENZE IN MODO ESPONENZIALE sono state da sempre tutte PRESENTI IN TE.
L'unico problema è che queste RISORSE essendo in stato LATENTE non le hai mai potute sfruttare appieno perché non ne sei mai stato a conoscenza, nessuno da piccoli ci ha ALLENATO all'ECCELLENZA.
In realtà non lo fanno proprio da nessuna parte! Non allenano all'eccellenza neanche nelle università di HARVARD o ad OXFORD.
Quindi non disperare se finora non sei riuscito a sfruttare appieno le tue risorse.
Quello che è accaduto è che nel tempo le hai COPERTE con mille insicurezze, mille DIALOGHI INTERNI DEPOTENZIANTI, a volte le copriamo anche CONCEDENDOCI CONTINUAMENTE PICCOLI E GRANDI CAPRICCI.
 

stupore<<Se l’unico strumento che sai usare è un martello, ogni cosa inizierà a sembrarti un chiodo>>
Abraham Maslow 
 
 
In condizioni normali, il nostro cervello tende a immagazzinare informazioni provenienti da qualsiasi "medium" (cioè da qualsiasi canale, mezzo, supporto), basta che esso utilizzi una modalità che sia ALL'INTERNO DELLE FINESTRE DI PERCEZIONE dei nostri 5 sensi.
Ad esempio il nostro cervello tramite le nostre orecchie può APPRENDERE qualsiasi informazione che viene ASCOLTATA alla radio, non può invece PERCEPIRE vibrazioni o frequenze AL DI FUORI della nostra FINESTRA uditiva, il che comprende sia frequenze che VIBRANO molto velocemente come gli ULTRASUONI, sia frequenze eccessivamente lente come gli INFRASUONI.
Allo stesso modo il nostro cervello attraverso il senso della vista può entrare in contatto con qualsiasi informazione visiva, indipendentemente dal fatto che noi, tramite il nostro giudizio, riteniamo quella fonte ATTENDIBILE O MENO.
Se apriamo una rivista a caso, e notiamo all'interno di un articolo un'immagine che ci procura ribrezzo, possiamo dare al cervello un segnale di disgusto, che farà si che quel ricordo possa essere considerato "brutto", quindi "inutile" ovvero "da rimuovere" al più presto.
Spesso però avviene che se l'immagine ci colpisce emotivamente in modo eccessivo, quella emozione farà da àncora e renderà molto difficile per il nostro cervello dimenticarla.
Quello che avviene e che l'emozione si aggancerà in modo permanente a quello scenario diventando un tutt'uno con la foto che il cervello ha memorizzato.
Ogni volta che andremo a provare un'emozione di profondo fastidio o di disgusto, molto probabilmente il cervello ci tirerà fuori dal nostro archivio interno di esperienze quella immagine, ripresentandocela davanti agli occhi della mente.

tasse_università
In questo articolo leggerai cose scomode!
In questo articolo leggerai idee che se attuate, in ciascuno di noi, potrebbero rivoluzionare il nostro consueto modo di vivere e di apprendere.
Quello che troverai descritta è una fotografia dell'attuale sistema educativo scolastico alla luce dei moderni studi sulla pedagogia e sulla psicologia dell'apprendimento.
L'attuale sistema scolastico ormai è diventato obsoleto e capirai fra poco perché sto dicendo questo.
 
Iniziamo facendoci qualche domanda...
Perché mandiamo i bambini a scuola a studiare?
Se tu sei un genitore, sicuramente ti sarai informato sulle scuole migliori della tua zona, della tua città.
Perché hai questo interesse?
 
E ancora...
Quali scopi ha, o dovrebbe avere, lo "studiare" per un giovane?
 
Siamo certamente d'accordo sul fatto che non esiste una sola risposta a questa domanda.
 
Mandiamo i figli a scuola perché in questo modo possano apprendere la nostra cultura e tramandarla alle generazioni successive.
Questa è già una prima risposta.
Quando all'interno di un Paese il sistema scolastico fallisce nel trasmettere i principi di educazione alla conoscenza, i valori e la storia del proprio popolo, crescono giovani PRIVI DI IDENTITÀ CULTURALE.
Diversi studi hanno evidenziato una correlazione tra la MANCANZA DI UN'IDENTITÀ CULTURALE e la diffusione di fenomeni legati al razzismo e alla violenza fra i giovani.

Questa settimana vorrei trattare un argomento che considero molto importante: L'EMPATIA.
 
Per noi che ci occupiamo di Miglioramento Personale trattare un tema come l'Empatia assume un duplice significato; da un lato l'empatia è una dote assolutamente necessaria perché, come vedremo nel corso dell'articolo, questa caratteristica risulta determinante ogni volta che ci relazioniamo con una persona, un amico, amica o parente che ci sta comunicando le sue emozioni e noi vogliamo che la nostra presenza sia di aiuto o comunque sia piacevole per l'altra persona; dall'altro lato essere empatici significa poter partecipare con maggior coinvolgimento alle dinamiche che ci conducono alla CRESCITA E AL MIGLIORAMENTO DI NOI STESSI, perché come avremo modo di comprendere l'empatia ha anche una forte valenza di consapevolezza personale, infatti si è sempre empatici verso se stessi ogni qual volta viviamo le nostre emozioni senza difenderci da esse, accettandole per l'esperienza di vita che le ha generate, senza alcuna forma inibitoria di giudizio o di controllo.
 
L’empatia è una forma molto profonda, efficace e potente di comunicazione interpersonale, che non richiede necessariamente l’uso delle parole per dispiegarsi o per essere valorizzata. Il più delle volte, infatti, è sufficiente il linguaggio del corpo.

Maria: <<Ciao Carla come stai? Ti vedo un pochino abbattuta...>>
Carla: <<Buongiorno Maria, purtroppo sono mesi che mi sento uno straccio!>>
Maria: <<Humm...mi dispiace tantissimo, ti va di raccontarmi?>>
Carla: <<Certo, almeno se ti va potrai darmi un consiglio. A lavoro sta andando tutto storto, ogni mattina mi sveglio stanca! È come se tutte le mattine fossero uguali, senza senso per me, sento un vuoto dentro e anche verso i miei colleghi, alcuni non li sopporto più! NON RIESCO PIÙ A RAGGIUNGERE I MIEI OBBIETTIVI>>
Maria: <<Ma da cosa dipende questo tuo stato d'animo? Quando è iniziato?>>
Carla: <<Guarda Maria, non lo capisco neanche io, ho avuto dei litigi con dei colleghi per via di alcuni questioni organizzative in ufficio, hanno tentato di scavalcare le mie indicazioni, ma a parte questo, niente di più...>>
Maria: <<E a casa, con tuo marito? Lui che dice?>>
Carla: <<Lui dice che devo metterci più passione in quello che faccio...ma sono consigli inutili, lui non capisce la situazione, è proprio perché ci metto passione in ciò che faccio che sto male! HO I MIEI OBBIETTIVI NELLA VITA, ma il mio impegno non viene mai riconosciuto! E poi sembra sempre che il dirigente si in procinto di tagliare via personale, sembra che debba licenziare qualcuno ogni mese per via dei tagli che l'azienda impone! E sono sicura che ha già pensato a me! La prossima di cui farà a meno sarò io...melo sento...non sono ben voluta neanche dai colleghi...c'è un'aria pesante in ufficio...alta tensione...e mio marito queste cose non le capisce proprio! Sarà che sono 6 anni che siamo sposati, nulla è più come prima, solo routine! Non mi porta fuori a cena che saranno secoli! Vorrei tanto che il nostro matrimonio RAGGIUNGESSE LIVELLI DI COMPLICITÀ MAGGIORI...mi sento così frustrata!>>

Einstein una volta disse: <<Solo il folle si aspetta risultati diversi mentre ripete continuamente le stesse azioni>>.

Partendo da questo principio vorrei condurvi ad un particolare livello di comprensione, il livello di comprensione esattamente necessario per strutturare il livello di miglioramento personale in grado di radicare una determinata "visione" nella vostra vita.
La "vision" in questione non ha un nome specifico, e comunque sarebbe prematuro svelarla con un aggettivo che tentasse di qualificarla ora; sarebbe meglio che proseguendo con la lettura dell'articolo essa possa farsi strada dentro di voi, e sarete voi stessi, poi, a dirmi se qualcosa è cambiato o se, al contrario, non troverete nulla di "speciale" in ciò che mi accingo a proporvi ;-) 
Tutti sanno che quando spostiamo qualcosa, ad esempio un oggetto che è inizialmente immobile, la forza necessaria per imprimere al corpo un primissimo spostamento è molto maggiore rispetto alla forza che interviene successivamente, cioè quella necessaria per mantenere quel corpo in quello stato di moto (velocità) che gli abbiamo impresso.
Questo avviene perché la forza che impieghiamo per farlo spostare deve vincere la resistenza iniziale all'immobilità del corpo stesso, questa resistenza si chiama Inerzia.
L'inerzia può nascere da diversi fattori, il primo di questi si chiama "attrito".

Skype Status

Aggiungimi su SKYPE per chiamarmi e ricevere una consulenza di orientamento iniziale gratuita.

oppure scrivimi a: studiomepec@gmail.com

EBook sul Miglioramento Personale

Il LIBRO della Settimana

Vai all'inizio della pagina